Studio legale Baccaredda Boy

Reati contro il patrimonio

I reati contro il patrimonio costituiscono ambito classico di applicazione della sanzione penale, sin dalle codificazioni più antiche; si pensi che la classica distinzione fra delitti contro il patrimonio commessi mediante frode (come la truffa, l’appropriazione indebita, l’usura, ecc.) e commessi mediante violenza alle cose o alle persone (quali rapina, estorsione, ecc.) risale al Diritto romano ed è tuttora adottata dal vigente codice penale italiano.

Il legislatore si è adeguato anche alle nuove fenomenologie emerse con l’avanzare del progresso tecnologico, da ultimo inserendo nel codice penale, in esecuzione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla criminalità informatica, i reati di “frode informatica” (art. 640-ter), di “frode informatica del soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica” (art. 640-quinquies, introdotto dall’art. 5 comma 3, legge n. 48 del 18 marzo 2008), ecc.

Nell’ambito dei delitti contro il patrimonio, lo Studio si occupa principalmente di criminalità dei cd. “colletti bianchi”.

Lo Studio offre, altresì, la propria consulenza professionale anche ad una nota Casa D’Aste: in tale settore sono particolarmente delicati gli aspetti riguardanti il mercato nazionale ed internazionale dell’arte e dell’antiquariato, con la necessità di approfondire temi di differente rilievo penale.

Lo Studio assiste primarie Compagnie di assicurazione, specie in processi relativi a frodi assicurative o in vicende penalmente rilevanti commesse a danno delle Società.

Nell’attuale panorama legislativo sono dense di problematiche interpretative anche le fattispecie di riciclaggio ed autoriciclaggio, in relazione alle quali sono innumerevoli i mezzi di contrasto approntati dalla normativa codicistica e speciale, anche con riferimento alle implicazioni transnazionali del fenomeno. Lo Studio segue attentamente tali evoluzioni normative e presta la propria consulenza ed assistenza in svariati procedimenti penali.

Sempre maggiore importanza all’interno dell’ordinamento va assumendo l’istituto della confisca, declinata in forme diverse ed autonome (confisca diretta, per equivalente, a titolo di misura di sicurezza ecc.): anche in quest’ambito lo Studio ha maturato esperienza ed assiste i soggetti coinvolti sin dalla fase cautelare del sequestro.

Lo Studio, inoltre, si occupa anche di misure di prevenzione patrimoniali e personali, seguendo con attenzione l’evolversi della disciplina legislativa in materia (dapprima, le leggi 1423/1956 e 575/1965, fino al recente “codice antimafia” di cui al d.lgs. 6 settembre 2011, n. 159).

reati contro il patrimonioNell’ambito dell’approfondimento scientifico dei professionisti dello Studio si segnala la redazione della monografia: “I delitti contro il patrimonio mediante violenza”, ad opera dell’avv. Carlo Baccaredda Boy e dell’avv. Stefano Lalomia, all’interno del Trattato di Diritto Penale- Parte Speciale, diretto da GIORGIO MARINUCCI ed EMILIO DOLCINI (Vol. VIII, CEDAM, 2010).