Studio legale Baccaredda Boy

Reati contro la Pubblica Amministrazione

I reati contro la Pubblica Amministrazione formano un ambito di particolare delicatezza, soprattutto per quanto riguarda i delitti dei pubblici ufficiali. Le numerose figure previste dal codice penale in tale capo del titolo II tutelano il buon andamento e l’imparzialità della Pubblica Amministrazione, punendo le condotte dei pubblici ufficiali (e, per talune ipotesi, anche dei privati) che privilegino il tornaconto personale all’interesse pubblico affidato alle loro mansioni.

Si tratta di reati storicamente presenti nelle legislazioni penalistiche, che però hanno ingenerato grande interesse negli ultimi decenni, sia per la metamorfosi qualitativa e quantitativa del fenomeno, sia per la crescente attenzione da parte dell’opinione pubblica, soprattutto a partire dalla cd. “tangentopoli”.

Il legislatore ha così ripetutamente messo mano alle principali figure delittuose afferenti a quest’ambito, dapprima con la l. n. 86 del 26 aprile 1990 e poi con ulteriori e recenti riforme, tra cui la legge n. 190 del 6 novembre 2012 (c.d. “legge Severino”) e la legge n. 69 del 27 maggio 2015. L’ambito è stato interessato anche da un ampliamento della tutela penalistica anche ai rapporti con le istituzioni comunitarie e con gli altri Paesi membri dell’Unione Europea, sino all’introduzione di nuove ed autonome figure di reato. Recentemente, la legge 9 gennaio 2019 n. 3 (c.d. legge “Spazzacorrotti”) ha apportato significative modifiche ai delitti contro la Pubblica Amministrazione, inasprendo le sanzioni ed il trattamento penitenziario successivo alla condanna definitiva. Da ultimo, il legislatore ha approvato il decreto attuativo della c.d. Direttiva PIF, con cui è stata modificata la disciplina di alcuni reati contro la P.A. al fine di tutelare gli interessi finanziari dell’Unione Europea.

I principali reati

Le principali figure di reato oggi previste dal codice penale, fra i delitti dei pubblici ufficiali (capo I) sono:

  • la corruzione, che colpisce il mercimonio della funzione pubblica allo scopo di procurare un vantaggio al pubblico ufficiale: tale figura è diversamente disciplinata a seconda che l’oggetto dell’accordo illecito sia un atto contrario ai doveri d’ufficio (art. 319) oppure lo stesso esercizio della funzione cui il pubblico ufficiale è addetto (art. 318);
  • la concussione, che punisce la condotta del pubblico ufficiale che, abusando di tale qualità o dei suoi poteri, costringa taluno a dare o promettere indebitamente denaro o altre utilità (art. 317);
  • il peculato, volto a punire l’appropriazione di denaro o beni mobili, di cui il pubblico ufficiale abbia la disponibilità per ragioni di servizio (art. 314);
  • l’abuso d’ufficio (art. 323) che punisce il pubblico ufficiale che procuri intenzionalmente a sé o ad altri un ingiusto vantaggio (oppure arrechi ad altri un danno ingiusto) violando norme di legge o regolamenti, nell’esercizio delle proprie funzioni;
  • la malversazione in danno dello Stato o di altri Enti pubblici indicati dalla legge, consistente nella condotta di chi, destinatario di sovvenzioni o finanziamenti destinati allo svolgimento di attività di pubblico interesse, non li destini a tali finalità (art. 316 bis).

L’assistenza legale

Gli avvocati dello Studio Legale Baccaredda Boy hanno maturato significativa esperienza in tema di reati contro la Pubblica Amministrazione; si mantengono inoltre costantemente aggiornati sugli aggiornamenti normativi cui è soggetta la materia e sugli orientamenti giurisprudenziali dominanti, al fine di offrire ai propri clienti una difesa tecnica adeguata rispetto ai rischi penali che derivano da scelte di politica criminale sempre più connotate da un marcato intento repressivo e stigmatizzante. Rischi che, oltre a riguardare le persone fisiche, involgono anche l’attività d’impresa delle persone giuridiche, essendo prevista per alcuni delitti contro la Pubblica Amministrazione la responsabilità amministrativa degli enti.

Lo Studio Legale Baccaredda Boy, esaurito il periodo storico di “Tangentopoli”, ha offerto e offre assistenza legale nell’ambito di processi aventi ad oggetto fatti di corruzione in operazioni nazionali e internazionali, oltre che di vicende connesse alla Gestione di società multiservizi riferibili ai Comuni; nel settore farmaceutico, ha prestato la propria assistenza in vicende di comparaggio.

Lo Studio Legale Baccaredda Boy approfondisce l’esame dei reati contro la Pubblica Amministrazione anche nel corso di convegni, incontri di studio e pubblicazioni; si rinvia, in proposito, alle apposite aree tematiche.